Fermiamo la strage degli alberi
11 Settembre 2020
Arezzo 2020 aderisce alla Carta d’intenti del Comitato Pionta. “Lo facciano tutte le liste se hanno davvero a cuore il parco”
11 Settembre 2020
Show all

Ghinelli e Tanti si occupino della riapertura delle scuole aretine, ecco le nostre richieste

17 agoso 2020

Occorre restituire all’istruzione pubblica il ruolo che le spetta nella vita del Paese e della città di Arezzo, con l’obiettivo immediato di far ripartire il prossimo anno scolastico in sicurezza.

Facciamo, quindi, appello all’Amministrazione comunale aretina affinché siano effettuati i seguenti interventi:

– occorre ristrutturare e mettere a norma antisismica gli attuali plessi scolastici;

– occorre incrementare gli spazi agibili per poter fare lezioni in presenza rispettando le distanze di sicurezza;

– occorre mantenere i gruppi classe e le cosiddette classi “pollaio” devono essere ridimensionate;

– dovrà essere rispettata e garantita la normativa in base alla quale, laddove sia presente un minore diversamente abile, il gruppo classe sia pari a venti alunni;

– gli spazi agibili saranno necessari a garantire una didattica in presenza e in sicurezza, che non costringa ad un uso indiscriminato della didattica a distanza.

Occorre inoltre precisare che non si può immaginare una didattica in presenza e in continuità garante delle attuali normative per la sicurezza sanitaria (come da indicazioni governative), senza che vi sia un aumento dell’organico dei docenti e del personale ATA. Occorre, quindi, assumere tutto il precariato docente e ATA con ormai già più di tre anni di servizio, attingendo dalle graduatorie ordinarie provinciali a disposizione.

Infine, poiché il personale docente non possiede una formazione medico/sanitaria, occorre che venga attuato un protocollo sanitario chiaro e preciso al fine di tutelare al massimo la salute di alunni, docenti e personale scolastico; tale protocollo dovrà essere chiaro da seguire e in grado di responsabilizzare ogni singolo attore della scuola (genitori, insegnanti, personale ATA, alunni ), poiché non rispettare le regole potrebbe mettere a rischio la salute di tutti e in primis coinvolgere i Dirigenti Scolastici su cui cadrà tutta la responsabilità.

Si renderà  necessaria, inoltre, una collaborazione stretta con i pediatri e medici di famiglia della città e sarebbe auspicabile la riattivazione delle infermerie scolastiche, dopo aver realizzato un protocollo sanitario che coinvolga la scuola, le famiglie e l’Azienda Sanitaria Locale.

Il Sindaco Ghinelli e l’Assessore Tanti non possono essere spettatori silenti. Sospendano per qualche giorno la loro campagna elettorale e si occupino della salute e dell’istruzione dei bambini e delle bambine, dei ragazzi e delle ragazze di Arezzo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *